"Il giovane Holden", J.D. Salinger: recensione

La rubrica Pinta&Penna parte oggi con un classico del Novecento di Salinger abbinato, dal blogger di Diario Birroso, ad un grande classico della Baviera

bottega recensioni diario birroso
Il giovane Holden feat Alyinger



La recensione de "Il giovane Holden" di Salinger è ospitata Diario Birroso! Se volete conoscere qualcosa di più su questa collaborazione visitate la pagina introduttiva qui 😊
nella neo-rubrica nascente "Pinta&Penna", ideata in collaborazione con un giovane blogger che coltiva la passione per la birra e per tutte le sfumature del malto. Stiamo parlando di



SCHEDA TECNICA

recensione bottega recensioni

TITOLO:Il giovane Holden
AUTORE: J.D. Salinger
CE: Einaudi
PAGINE:251
PREZZO:12,00 euro
GENERE: classico di formazione

RECENSIONE
Si tratta di un romanzo che può, con tutto il rispetto per la categoria, essere definito un classico del Novecento. Senz'altro conoscerete Salinger per la sua vita solitaria che, non a caso, caratterizza anche la psicologia del protagonista di questa storia.
Holden Caufield è un giovanissimo ragazzo che frequenta la Pencey, l'ennesima scuola dalla quale è stato espulso, a Agerstown in Pennsylvania. È un ragazzo arrabbiato e disilluso, perfettamente inconsapevole di aver intuito troppo precocemente la banale ipocrisia del mondo adulto.
Della sua famiglia Holden ce ne parla a poco a poco, quasi nei momenti di ritaglio, di sfuggita, oppure quando ha bisogno di aggrapparsi a qualche figura felice, poche nella sua vita. Del padre conosciamo la sua professione, avvocato; della madre prettamente il carattere e il dolore per la precoce perdita del figlio Allie.
Holden ha ben tre fratelli: D.B., sempre nominato nel testo con le iniziali, Phoebe e Allie. Il rapporto con i genitori non è dei migliori, come accade nei giovani adolescenti ribelli ed ostili. Parzialmente conflittuale quello con D.B., fratello maggiore, ex soldato, scrittore in erba e giovane regista.
Allie e Phoebe sono le figure con cui Holden sembra riuscirsi ad aprire maggiormente. Più volte ricorda i momenti passati con il fratellino più piccolo; Phoebe è l'unica della famiglia a cui si rivolge nel disperato ritorno verso casa.
Dopo l'espulsione dalla scuola, infatti, Holden fugge via e passeranno alcuni giorni prima di riuscire a tornare a casa. Holden scappa dalla noia e dall'ipocrisia.

Non faccio che ripetere  "è stato un piacere" a gente con cui non è stato un piacere per niente. Ma se vuoi sopravvivere certa roba devi dirla. 

Il giovane Holden, J.D. Salinger, p. 103

Il suo è un viaggio della solitudine, verso la scoperta di desideri personali nebulosi ed ancora non svelati.  D'altronde è proprio questo il cuore di un romanzo di formazione: la complessità della crescita di fronte al sipario del mondo adulto. E forse Holden vuole salvarsi da tutto questo.

Io mi immagino sempre tutti questi bambini che giocano a qualcosa in un grande campo di segale e via dicendo. Migliaia di bambini, e in giro non c'è nessun altro - nessuno  di grande, intendo - tranne me, che me ne sto fermo sull'orlo di un precipizio pazzesco. Il mio compito è acchiapparli al volo se si avvicinano troppo, nel senso che se loro si mettono a correre senza guardare dove vanno, io a un certo punto devo saltar fuori e acchiapparli. Non farei altro tutto il giorno. Sarei l'acchiappabambini del campo di segale. So che è da pazzi, ma è l'unica cosa che mi piacerebbe fare davvero. Lo so che è da pazzi. 

Il giovane Holden, J.D. Salinger, p. 203

Holden vive dentro sé la tensione di un giovane eroe moderno confuso, spaventato e disgustato dai comportamenti umani. Il suo turbamento morale è tutt'altro che spento, è linfa vitale, stimolo per il cambiamento, a patto che ricordi un monito fondamentale:

"Ciò che contraddistingue l'uomo immaturo è che vuole morire nobilmente per una causa, mentre ciò che contraddistingue l'uomo maturo è che vuole vivere umilmente per essa"
Il giovane Holden, J.D. Salinger, p. 221

Di seguito troverete la Smart Book review e la Smart tasting moment abbinata di Diario Birroso! Quale birra consiglierà da degustare con questa lettura? Mi sembra di aver intravisto una bottiglia dal profumo di Baviera, un classico da poter catalogare nello stile delle Dunkel. D'altronde anche quello di Salinger è un classico. Qui il link all'abbinamento proposto!

Smart tasting moment di Diario birroso

Smart book review

La bottega delle recensioni

Post più popolari