Scrittori oggi

Ultimo turno di discussione amici.
Sinceramente devo dirvi che ,quando creai il sondaggio ,ero sicura che il tema "scrittori oggi" si sarebbe aggiudicato il primo posto. Ed invece, le mie previsioni hanno fallito. Diciamo che come veggente non ho molte speranze.
Avendo già pranzato, un caffè ci sta, anche per affrontare il pomeriggio di studio intenso.
Dunque, mi posiziono sul divanetto del nostro accogliente Caffè e vi parlo di scrittori, sorseggiando la mia bevanda calda....
Essere scrittori non è mai stato semplice. Questa premessa è indispensabile quando ci accostiamo ad un tema che tocca personalmente un pó tutti noi.
Bisogna trattare della scrittura con la nobiltà che merita ma anche con la necessaria umiltà intellettuale.
La scrittura , se intesa nella sua accezione originaria, è il mezzo di comunicazione più usato dopo il linguaggio verbale. Ci permette di veicolare i nostri pensieri e le nostre emozioni.
La sua pervasività è diventata potenzialmente illimitata se pensiamo ai recenti sviluppi della tecnologia: il blog ne è un esempio. Non so voi, ma sapere che questo articolo potrebbe essere letto dall'altra parte del mondo, a me mette i brividi ( si sono romanticona)
Una cosa , peró, è saper scrivere, un'altra è essere scrittori.
Quella dello scrittore è un'arte nobile, che esige rispetto e fantasia prima di tutto.
Mi ha sempre affiscinata la nascita letteraria dei personaggi che, metaforicamente, sono figli partoriti dalla mente dello scrivente.
La trama deve essere chiara, organizzata, così come deve essere ben delineata la psicologia dei personaggi. Questo implica precise ricadute sull'impianto narrativo: i comportamenti ed il linguaggio di ogni singolo personaggio devono rispecchiare la personalità della figura.
Non è tanto semplice come puó sembrare: mi sono imbattuta in storie in cui tutto era appiattito su un singolo personaggio.
Lungi da me fare critiche altezzose, ma questo non rientra nei miei gusti.
Ció per dire che non tutti possono improvvisarsi scrittori.
Quest'ultima precisazione calza perfettamente con la considerazione che sto per esporvi.
L'era del web e del self publishing hanno aperto nuovi canali di pubblicità. È pur vero, tuttavia, che farsi notare dalle case editrici è sempre più ostico e meno produttivo. E l'autoreferenzialità finisce per essere l'unica via praticata.
È un settore chiuso, che apre piccoli e rari spiragli. L'unico faro che peró non deve mai mancare nell'animo di ogni scrittore è quello dell'umiltà. Un bravo scrittore, a mio parere, è anche colui che sa ascoltare i propri lettori e non rinuncia a mettersi in discussione.

È un tema bollente e potenzialmente illimitato.
Dunque, apro le porte del Caffè e vi lascio al Menù:


  • Caffè

  • Thè

  • Crodino

  • Analcolico

  • .....Rum ahaha


Le regole per la partecipazione sono sempre le stesse: commenti o articoli personali....

Benvenuti 😎

Un abbraccio

ChiaraG

La bottega delle recensioni

Post più popolari