Il dilemma del posto

Ogni volta che salgo sul trenino che mi riporta nella mia città, mi ritrovo a percorrere lo stesso dilemma.
Dovete sapere che adoro le postazioni a 4 sopraelevate rispetto alle altre, si trovano in corrispondenza della giuntura fra un vagone e l'altro.
La visuale da lì è perfetta: il confine dei campi si sposa perfettamente con la linea dell'orizzonte.
Dove allora il dilemma?
Non so mai se scegliere il posto secondo il verso di andatura del treno o quello contrario.
Ho decretato che alla fine questa scelta rispecchia il modo di vivere la vita. Questa è la mia teoria!
Chi sceglie il posto concorde al verso del treno, tenderà ad attendere il destino guardandolo negli occhi, non curandosi del passato, avendo peró una certa mania nel predire/programmare il futuro. Da questa postazione, infatti, vedi benissimo il panorama che ti attende, ma non gusti il momento in cui arriva perchè passa velocemente.
Chi sceglie il verso opposto alla percorrenza, invece, rimugina sul passato. Da qui , non a caso, puoi vedere il paesaggio che si allontana e accogli ad occhi chiusi ció che viene.
In ogni caso , nessuno dei due riesce ad assaporare il presente. La soluzione sarebbe porsi di fronte alla finestra ma gli inconvenieti sarebbero troppi...sarà forse una metafora della vita?
Voi cosa scegliete? E secondo voi io per quale opto? ;)

ChiaraG

La bottega delle recensioni

Post più popolari