Vaneggiamento influenzale

La vita é un grande romanzo ed ogni romanzo è  fatto di episodi che hanno sempre qualcosa di poetico. Almeno così ci hanno portato a credere le note frasi da cioccolatino Perugina ,della serie "vivi ogni attimo come se fosse l'ultimo".
Mi chiedo,allora, cosa ci sia di poetico nell'influenza?!
Sterminio di fazzoletti ed olfatto in vacanza sono le prime compagne. Bell'affare  quando magari incominciano a spuntare le prime giornate di sole pseudo primaverile e puoi solo immaginare il profumo delle viole.
Puoi dire addio alle lunghe passeggiate, al cinguettio degli uccelli ed abbracciare il tuo nuovo amico per la pelle: un cuscino assassino che coltiva i tuoi stessi germi, amici di quelli dei fazzoletti, delicatamente appoggiati sul comò.
Tutto sembra deporre a nostro sfavore cari amici influenzati...l'influenza è apoetica, passatemi il neologismo da vaneggiamento influenzale.
Tra uno starnuto e l'altro vi auguro una buona notte ed una serena lettura sperando di tornare al più presto dai miei amati libri.

Chiara <3

La bottega delle recensioni

Post più popolari